TECNICHE PER LA CONSERVAZIONE. LE ANALISI DI LABORATORIO PER IL PROGETTO DI RESTAURO

80,00 + IVA

Le analisi di laboratorio rappresentano un mezzo per:
• conoscere e identificare materiali costitutivi il bene monumentale
• analizzare ed evidenziare i fenomeni del degrado
• individuare le cause di tale degrado
• indicare al Progettista e al Direttore dei Lavori le tecniche di intervento più appropriate e le metodologie e gli strumenti per prevenire, o quantomeno ritardare, la comparsa di ulteriori fenomeni di degrado

Le analisi di laboratorio vengono quindi proposte come strumento indispensabile per l’elaborazione di un progetto di restauro conservativo che risulti corretto per la scelta delle metodiche di restauro e dei materiali. Il corso, articolato in quattro lezioni di due ore ciascuna, affronterà i seguenti temi, suddivisi in moduli: i fattori di degrado; le analisi e gli studi al microscopio; la termografia.

PROGRAMMA
Venerdì 5, 12, 19 e 26 novembre 2021, dalle ore 16.00 alle ore 18.00

PRIMO MODULO: I FATTORI DI DEGRADO.
L’acqua come fattore di degrado diretto (idrolisi) ed indiretto (trasporto di sali solubili). L’azione dei biodeteriogeni. I danni causati dalla presenza di sali solubili. Metodi di indagine mediante HPLC e mediante FT/IR: le caratteristiche e la loro utilità operativa.

SECONDO MODULO: LE ANALISI E GLI STUDI AL MICROSCOPIO.
Indagini con il metodo della sezione sottile per la caratterizzazione dei materiali lapidei naturali (marmi, graniti, pietre ecc.) e dei materiali artificiali (intonaci, malte, rasature, lamature, marmorini ecc.).
L’applicazione di questi studi per la scelta di corrette metodiche di restauro (sistemi di pulitura, di consolidamento ecc.).
Le indagini con il metodo della sezione lucida e i trattamenti superficiali (patinature e coloriture).

TERZO MODULO: LA TERMOGRAFIA.
Questo metodo di indagine non distruttiva permette indagini molto efficaci per individuare infiltrazioni di acqua non visibili direttamente, sollevamenti di intonaci decorativi e affrescati.
Riconosce le parti in incipiente caduta e permette una lettura degli elementi architettonici celati.

RELATORE
Dott. Chimico Pietro Rosanò – direttore tecnico e amministratore di TSA Srl di Padova, consulente tecnico e docente per corsi specialistici di restauro, operatore termografico abilitato di II livello (UNI EN ISO 9712) e consulente presso le principali Soprintendenze italiane.

TECNICHE PER LA CONSERVAZIONE. LE ANALISI DI LABORATORIO PER IL PROGETTO DI RESTAURO - LEZIONE 1

Disponibile

TECNICHE PER LA CONSERVAZIONE. LE ANALISI DI LABORATORIO PER IL PROGETTO DI RESTAURO - LEZIONE 2

Disponibile

TECNICHE PER LA CONSERVAZIONE. LE ANALISI DI LABORATORIO PER IL PROGETTO DI RESTAURO - LEZIONE 3

Disponibile

TECNICHE PER LA CONSERVAZIONE. LE ANALISI DI LABORATORIO PER IL PROGETTO DI RESTAURO - LEZIONE 4

Disponibile

Disponibile

COD: TV55646 Categoria: